Menu

10 consigli pratici per la scelta del mutuo per la casa

0 Comments


I nostri esperti hanno preparato un catalogo con 10 consigli pratici per la scelta del mutuo ipotecario. Continua a leggere.

Il primo consiglio che forniscono è che nessuno ti sostituisca nel processo decisionale perché il mutuo e la responsabilità personale dell’operazione sono solo ed esclusivamente tuoi, fino a quando non finisci di pagare il prestito. Cioè, prendi la decisione perché quello che è vincolato dal debito ipotecario sei tu.

Da non perdere: il mutuo può essere detratto?

In questo momento, ci sono due cose a cui prestare particolare attenzione . I tassi di interesse sono al livello più basso nella loro storia, quindi le revisioni prima o poi saranno al rialzo. Inoltre, la nuova Legge Mutui ha chiarito alcuni aspetti e ha accresciuto l’importanza del notaio come interprete del contratto di mutuo.

Parallelamente, dovresti sapere che ci sono dubbi sulla trasparenza del riferimento del mutuo IRPH , quindi è consigliabile cercare mutui riferiti all’Euribor (in questo calcolatore IRPH puoi calcolare quanto hai pagato in eccesso se il tuo prestito è riferito a questo indicatore ).

Il livello di indebitamento come punto di partenza

1. Debiti, quelli giusti

2. Capacità di debito

3. Trasparenza

4. Periodo di ammortamento non più dell’essenziale

Non indebitarti inutilmente. Valuta con calma l’importo necessario per acquistare la casa e cerca di adattarlo al minimo possibile. Meno capitale richiedi, minori saranno i costi e minore sarà l’ammortamento del mutuo . Studia bene quanto avresti dovuto risparmiare prima di richiedere un mutuo e quali sono le spese per formalizzare un mutuo ipotecario.

Confronta le varie offerte di mutuo ipotecario prima di decidere su una specifica
Valuta la tua capacità di pagare la quota mensile . Oppure, cosa è lo stesso, pensa alla tua giornata, a cosa puoi dedicare ai debiti e cosa ti serve per vivere. Per stimare quanto lontano puoi arrivare con il pagamento mensile, non spendere più di un terzo del tuo reddito mensile netto per pagare la quota. Insomma, valuta bene quale appartamento puoi acquistare con il tuo stipendio .

Non sperimentare prodotti finanziari che “promettono” di pagarti meno. I mutui che hanno un rimborso del capitale una tantum alla scadenza o con un periodo di grazia per il rimborso in cui vengono pagati solo i pagamenti periodici degli interessi non sono l’opzione migliore. Possono aiutare prontamente in situazioni di insolvenza temporanea, ma probabilmente potrebbero non adattarsi alla tua futura capacità di pagamento.

Se hai intenzione di impegnarti in un debito significativo e per un periodo importante della tua vita, non sperimentare o speculare con i tuoi risparmi e cercare l’opzione più semplice.

Cerca anche la combinazione più appropriata tra il tasso di interesse e il termine di rimborso in modo che la commissione di rimborso si adatti alle tue possibilità. La chiave è che estendere il termine più del necessario significa pagare interessi per più anni e ridurlo eccessivamente può comportare una commissione troppo pesante. Se le tue opzioni finanziarie subiscono un mutuo per più di trent’anni, dovresti prendere in considerazione l’affitto.
Tasso fisso o variabile, Euribor … o Euribor
5. Tasso fisso o variabile

6. Addebiti in euro; mutuo in euro

Studia bene il tasso di interesse che desideri per il tuo mutuo ipotecario. I tassi fissi sono più alti dei tassi variabili, ma incorporano la tranquillità di non essere influenzati dal movimento dei tassi di interesse e pagherai sempre lo stesso. Tuttavia, oggi i mutui variabili sono più redditizi di quelli fissi .

C’è una possibilità intermedia che dovrebbe essere valutata. Un mutuo a tasso misto . Ovvero un mutuo a tasso variabile che incorpora una prima tranche a tasso fisso, che può essere di 3, 5 o anche più di dieci anni. Nella situazione attuale con tassi di interesse al minimo storico, è essenziale calcolare la capacità di indebitamento in uno scenario di tassi in aumento.

Valutare attentamente il rischio di contrarre prestiti in una valuta diversa dall’euro . Non è consigliabile assumere il rischio di cambio, anche se al di fuori dell’euro potrebbero esserci ancora tassi di interesse più bassi o con la prospettiva di rimanere bassi più a lungo. Dimentica i mutui multivaluta. Anche il loro benchmark cambierà tra pochi mesi e sono molto complicati.
Notizie legislative
7. Euribor sì o sì

8. Fidati del notaio

Sebbene la nuova legge sui mutui e l’IRPH abbiano reso abbastanza chiara la situazione per il risparmiatore, il consiglio nella scelta dell’indice di riferimento per il mutuo è di optare sempre per gli indici ufficiali che vengono predisposti e pubblicati dalla Banca della Spagna (Euribor).

Anche con la nuova Legge Mutui, il peso del notaio come figura autonoma che informa l’utente del contratto firmato con l’istituto finanziario rende le cose più facili, non dimenticare di informarti bene, leggere e confrontare tutti i documenti contrattuali (fascicoli legali) e la proforma dell’atto presso lo studio del notaio prima della sottoscrizione. E, in ogni caso, non firmare nulla che non capisci.

Casi specifici: ammortamenti parziali e non pagati
9. Rimborsi parziali e commissioni

10. Di fronte alla possibilità di ritardi o inadempienze, la banca

Occorre conoscere bene il funzionamento degli ammortamenti parziali e delle provvigioni che il finanziamento sostiene per questo motivo. L’istituto finanziario può addebitarti a titolo di risarcimento per il prelievo un importo precedentemente concordato e riscosso nel FEIN (foglio informativo standardizzato europeo) sulla base dei massimi legali. In caso di contrazione di un mutuo a tasso fisso o misto, potrebbe anche addebitarti un risarcimento per il rischio di interesse.

In caso di ritardi o inadempienze, non nasconderlo e cerca una soluzione con la tua banca
Infine, in caso di difficoltà temporanee o permanenti che ti impediscono di pagare il prestito, recati senza indugio in filiale e informa il tuo responsabile di questa situazione. Ti aiuterà a trovare una soluzione adeguata e personalizzata e ti informerà sulle misure di protezione speciali per i debitori.

Di seguito ti abbiamo lasciato 10 pratici consigli per scegliere il tuo mutuo ipotecario . Tuttavia, dedicare del tempo a capire cosa si sta firmando ea quali condizioni lo si fa e studiare più di un’offerta di mutuo sono due ulteriori suggerimenti che vi torneranno utili.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *